per chi ha il cinema dentro
home page
News


Condividi

Uccio De Santis e Francesca Massaro al FFF. >Mercoledì 18 aprile.

Saranno Uccio De Santis e Francesca Romana Massaro gli ospiti d'eccezione della seconda giornata del Foggia Film Festival, mercoledì 18 aprile.

Il comico barese, da 10 anni mattatore del palinsesto di Telenorba con il mitico programma di barzellette, "Mudù", nonché interprete di diversi film e format televisivi del panorama nazionale, verrà premiato all'interno della kermesse foggiana per il suo esordio da attore protagonista nella commedia "Non me lo dire" di Vito Cea, nelle sale italiane il mese scorso.

Alle ore 11,15, quindi, nella sala 3 della Città del Cinema (via Miranda), De Santis sarà al centro di un'intervista-conversazione aperta al pubblico e, a seguire, ritirerà il premio conferitogli dall'FFF per la "Miglior Commedia Italiana opera 1^".

Subito dopo il comico pugliese terrà una conferenza stampa al Wasabi Caffè (via Antonio Gramsci, 45). L'incontro riservato ai giornalisti sarà arricchito da un aperitivo-buffet.

Per l'"FFF - Library", nel pomeriggio, alle 19.30, presso il Consorzio Start Capitanata (piazza Federico II), appuntamento tra cinema e saggistica con Francesca Romana Massaro (giornalista professionista con la passione per la settima arte), che presenterà il suo nuovo libro "Il cinema come nessuno mai ve l'ha raccontato". All'incontro parteciperà anche Marco Moschitta, responsabile dell'"Emmebi", casa editrice del saggio.

La pubblicazione, ispirata all'esperienza diretta del padre dell'autrice, Gianni Massaro (l'"avvocato di Cinecittà"), si sviluppa attraverso il lavoro della giornalista romana articolato in interviste ai divi e ricerche d'archivio sui film che hanno fatto la storia del cinema di casa nostra (e non solo), svelando al lettore tutti gli aneddoti e le curiosità sulle cause legali intraprese dal mondo del grande schermo italiano.

Come sintetizza la stessa autrice in quarta di copertina, il libro affronta "le storie sconosciute dei film famosi, viste attraverso i racconti, i verbali e le denunce raccolte in quegli anni in cui dare scandalo era la regola. Un viaggio dietro le quinte di quel mondo che, a forza di raccontare storie sul grande schermo, ha contribuito all'evoluzione del costume e del comune senso del pudore, a partire dagli anni '60 per arrivare fino ai nostri giorni. Una raccolta di testimonianze dirette e inedite, di chi ha contribuito a rendere il cinema tanto grande, nonostante i capricci di qualche diva. Tutto questo è, e non poteva essere altrimenti, 'Il cinema come nessuno ve l'ha mai raccontato!'".

Nel seconda giornata dell'FFF, non solo incontri con gli autori ma anche la visione delle pellicole in e fuori concorso.

In mattinata, infatti, nella sala 3 della Città del Cinema, verranno proiettate le prime due opere appartenenti alla sezione non competitiva "Educational movies" (ingresso gratuito), i film a tema sociale per cui è fortemente consigliata la partecipazione delle scolaresche: alle 10 verrà proiettato "La terra negli occhi" di Gaia Adducchio; alle 11.45 sarà la volta di "Mio figlio studente me lo educo io" di Michele Afferrante.

A partire dalle 15, invece, al costo di 1 euro, il pubblico potrà assistere alla prima tranche della sezione in concorso "Italian Documentary". I documentari in proiezione saranno "Monaco, Italia – Storie di arrivi in Germania" di Alessandro Melazzini (ore 15); "(R)esistenza" di Francesco Cavaliere (ore 16,15); "Per noi il cinema era 'proibito'" di Sergio Naitza (ore 17,30); "Io sono il teatro – Arnoldo Foà raccontato da Arnoldo Foà" di Cosimo Damiano Damato (ore 18,15).


Fabrizio Sereno | Ufficio stampa FFF