per chi ha il cinema dentro
home page
Pressroom


Condividi

Foggia respira cinema

Spettacolo / Cinema

Dal 13 al 20 aprile in programma il Foggia Film Festival: documentari, corti e lungometraggi si alterneranno per otto giorni fra proiezioni, incontri e conversazioni con attori, registi e produttori

Dal 13 al al 20 aprile prossimi Foggia apre ancora una volta le porte al cinema con Tentazione Cinema, la terza edizione del Foggia Film Festival promosso dal Centro di Ricerca Teatrale e di Cinematografia La Bottega dell'Attore – Teatro Studio Dauno e diretto da Pino Bruno con il preciso intento di dare visibilità a produzioni di autori emergenti che, come spesso accade nel nostro paese, incontrano più di una difficoltà a trovare adeguati canali distributivi e, in fin dei conti, stentano ad avere visibilità.

Come per le precedenti edizioni, sarà La Città del Cinema (in Via Miranda), nella Sala 3, a ospitare la manifestazione che conta sulla collaborazione, fra gli altri, di Mediafarm Cittadella della Comunicazione e che guarda con particolare interesse alle opere provenienti dalla Puglia, senza tralasciare quelle provenienti dall'intero territorio nazionale.

Diverse sono le sezioni in cui, come è ormai consuetudine, è suddiviso il festival foggiano.

Innanzitutto le due sezioni dal titolo Italian Documentary che conta 17 documentari e Italian Short Movies, con 56 cortometraggi, che comprende opere in concorso e fuori concorso; poi Visioni italiane, una sezione non competitiva con sei lungometraggi, e due sezioni speciali a tema, una intitolata Vetrine FFF , che mira a promuovere lavori sperimentali di artisti emergenti e l'altra, Cinema Educational, una sezione che propone opere realizzate da associazioni, fondazioni e istituzioni operanti sul territorio.

In totale le proiezioni saranno 78, fra le quali 27 provenienti dalla Puglia, 15 opere prime e 27 opere inedite.

Ma non finisce qui.

La kermesse che prenderà il via mercoledì 13 aprile propone anche un omaggio ad Alberto Sordi, di cui quest'anno ricorre il decennale della morte, organizzato in collaborazione con il Diparrtimento di Studi Umanistici dell'Università di Foggia, in programma nell'Aula Magna di Via Arpi il giovedì 18 aprile (a cominciare dalle 10.30) sotto forma di lezione - conversazione con Sergio D'Offizi, direttore della fotografia di diversi film del grande attore romano; la giornata si concluderà con la proiezione del film del 1983 Il tassinaro.

E' previsto anche un evento speciale, dedicato al film The Last Day (realizzato in sette giorni con un budget irrisorio dal regista Marco Costa), proiettato venerdì 19 aprile alle 20.00, oltre a due presentazioni di libri, fra cui una virtuale, dedicata al volume Tutto a posto e niente in ordine (edito da Mondadori) di Lina Wertmüller e l'altra alla rivista Moviement pubblicata da Gemma Lanzo Editore condotta dalla stessa Gemma Lanzo e dal professor Eusebio Ciccotti dell'Università di Foggia;  l'incontro si svolgerà giovedì 18 aprile (alle 10.00) nell'Aula Magna del Dipartimento di Scienze Umane dell'Università di Foggia in via Arpi.

Mentre l'anteprima proposta in occasione di questa terza edizione del Foggia Film Fest sarà Una vita violata di Riccardo Sesani, presentata mercoledì 13 aprile, alle 20.30, alla Città del Cinema, al termine dell'incontro con il regista del film e l'attore Marco Di Stefano.

Non mancherà, ancora, anche quest'anno la rassegna che sin dall'inizio affianca il festival, ma che da ben undici anni offre alla città e non solo le Lezioni di CinemaVisioni, Incontri e Dibattiti con i protagonisti del Cinema Italiano, organizzata dall'associazione La Bottega dell'Attore – Teatro Studio Dauno.

Numerosi gli ospiti della manifestazione, fra cui l'affezionato Sergio Rubini, presidente della giuria del festival, l'attrice  e conduttrice Giorgia Wurth, il direttore dell fotografia Sergio D'Offizi, e i giovani attori Matteo Branciamore e Andrea Montovoli, i registi Marco Costa e Rossella Izzo, l'attrice di origine colombiana Nathalie Rapti Gomez, i produttori Marco Belardi e Angelo Bassi, il regista pugliese Nico Cirasola, la giornalista Lucia Di Spirito e Mingo Di Pasquale, inviato di Striscia la Notizia.

Inserito domenica 7 aprile 2013 di Paola La Sala