per chi ha il cinema dentro
home page
News


Condividi

Luca Cirasola: ‘Il buon cinema allarga gli orizzonti della conoscenza, rafforza la libertà di pensiero’.

Città del Cinema di Foggia, ore 19,45, si è tenuto il terzo incontro de 'Lezioni di Cinema', ambito Foggia Film Festival, con Luca Michele Cirasola (figlio del noto regista Nico Cirasola – oggi assente per impegni di lavoro - impostosi nel cinema italiano per il suo stile narrativo originale e talvolta sopra le righe) che ha ripercorso le fasi della sua carriera e quella familiare, nonché le fasi della lavorazione del film Focaccia blues, raccontandone i luoghi e i protagonisti di una vicenda realmente accaduta in Puglia. Il film trae spunto dall'impresa di una piccola focacceria pugliese che, valorizzando i prodotti tipici, è riuscita a mettere in crisi un grande Mc Donald's aperto nella città di Altamura, narrando così la vittoria del mondo locale che si oppone alla diffusione della globalizzazione intesa come massificazione dei gusti.


'Il cinema contribuisce ad aumentare il PIL - dichiara Cirasola - produce ricchezza, e nonostante ciò negli ultimi anni i governanti hanno continuato a tagliare linearmente i fondi destinati alla cultura. Il calo degli spettatori in Italia sta determinando la chiusura di numerose sale cinematografiche, ogni oltre limite fisiologico, e la politica del problema non se ne occupa. Manifestazioni come questa di stasera creano interesse e curiosità, danno valore aggiunto, per questo vanno sostenute'. Rivolgendosi ai giovani ha poi concluso 'Credetemi, vale la pena sottrarre tempo a internet e tv per dedicarlo alla visione del buon cinema che, a mio avviso, allarga gli orizzonti della conoscenza, rafforza il libero pensiero'.


L'attore e regista ha interpretato numerosi ruoli in pellicole nazionali e partecipazioni in cast internazionali: ricordiamo 'Signor Gi Bi Boccasile' (2010), 'Focaccia Blues' (2009), 'Figli di Annibale' di Davide Ferrario (1997), 'Matrimoni' di Cristina Comencini (1997), 'Albania Blues' di Nico Cirasola (1998), 'Le Acrobate' di Silvio Soldini (1998), 'My Name is Tanino' di Paolo Virzì (2002), 'Mio Cognato' di Alessandro Piva (2003), 'Il Miracolo' di Edoardo Winspeare (2003), 'Prendimi e Portami Via' di Tonino Zangardi (2003), 'Bell'Epoker' di Nico Cirasola (2005). In teatro 'Sonia la Rossa' di cui è anche autore (1992-94), 'Uccelli' di M. Martinelli (1993-94), 'Primo Studio su Antonio e Cleopatra' di Ninni Bruschetta (2000), 'L'Avaro' per la regia di Dante Marmone (2003-04), 'Molto rumore per nulla' per la regia di Lina Wertmuller (2004-05). In televisione ha interpretato 'Francesca e Nunziata' di Lina Wertmuller (2003), 'Orgoglio' di Giorgio Serafini (2003), 'Il Capitano' di Stefano Reali (2004), 'La Provinciale' di Pasquale Pozzessere (2006).


All'incontro con il pubblico è seguita la proiezione del film 'Focaccia blues' di Nico Cirasola, 88 minuti, 2009, prodotto da Alessandro Contessa per Pablo Bunker Lab. Film poetico e suggestivo, ma al tempo stesso ironico e pungente nei confronti dello strapotere commerciale delle multinazionali, dove ne è convincente protagonista appunto Luca Michele Cirasola con Dante Marmone, Luca Michele Cirasola, Renzo Arbore, Lino Banfi, Michele Placido, Nichi Vendola, Onofrio Pepe.


Foggia, 17 aprile 2013


Ufficio stampa

Foggia Film Festival