per chi ha il cinema dentro
home page
News


Condividi

Sergio D’Offizi: ‘Alberto Sordi i personaggi che interpretava se li cuciva adosso’.

Ieri, giovedì 18 aprile 2013, il direttore della fotografia di Sordi ha incontrato gli studenti nell'àmbito delle Lezioni di Cinema. La giornata dedicata all'Albertone nazionale dalle ore 10,30 presso l'Aula magna in via Arpi 156, dalle ore 20,00 alla Città del Cinema, sala 3. Omaggio a Sordi realizzato in collaborazione con il Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università di Foggia e il Foggia Film Festival.

Vi hanno partecipato: Sergio D'Offizi, direttore della fotografia, il prof. Eusebio Ciccotti, docente di storia del cinema il direttore del Dipartimento prof. Saverio Russo, il prof. Pierpaolo Limone e Pino Bruno, direttore del Foggia Film Festival.

Il ricordo di D'Offizi nel corso della lezione-conversazione: 'Ho lavorato con Sordi per quindici anni e posso dire di aver conosciuto il vero Alberto Sordi, con lui ho condiviso tanti momenti, anche quelli privati. Quando si andava tutti a cena Alberto veniva fuori con tutta la sua spontaneità. Lavorandoci assieme per tante ore al giorno ho apprezzato il fatto che sul set non si arrabbiava mai, era sempre sereno e, manco a dirlo, con la battuta coinvolgente sempre pronta.

Il pubblico che l'ha conosciuto attraverso lo schermo ha in realtà visto il vero Sordi, lui i personaggi che rappresentava se li cuciva addosso, al contrario di altri che magari esageravano nel trasformarsi esteticamente. Il talento di Alberto, invece, lo portava ad entrare con facilità nei personaggi'.

I documentari 'Dietro la macchina da presa' di Sergio D'Offizi e 'La fotografia cinematografica' a cura de La Bottega dell'Attore, hanno regalato al pubblico le immagini di un sodalizio artistico e umano con l'attore più rappresentativo del cinema italiano. L'incontro è stato preceduto dalla presentazione della rivista di cinema 'Moviement', condotto da Gemma Lanzo, condirettore della rivista, e dal prof. Eusebio Ciccotti.

In serata, presso la Città del Cinema, Sergio D'Offizi ha tenuto con il pubblico la seconda parte della lezione-conversazione, cui è seguita la visione del film 'Il Tassinaro'. Nel corso del dibattito D'Offizi ha rimarcato l'importanza del sodalizio con Sordi, descrivendone l'umanità, la generosità, il suo carattere istrionico e le conversazioni con madre e sorella circa il suo nubilato, nonché i momenti più significativi sui set dei film de Il Marchese del Grillo, Io e Caterina, Finché c'è guerra c'è speranza, Il tassinaro ed altri, in cui ha interpretato le tante facce di un'Italia che ha saputo raccontare con ironia, amarezza e tanto amore.

Foggia, 19 aprile 2013

Ufficio Stampa
Foggia Film Festival & Lezioni di Cinema